Home page

                                                                                                                     MAPPA STRADALE  

 

 

 

 

 

 

 

RUBRICA LITURGICA

 

La Visitazione della Vergine Maria a Elisabetta
La festa della Visitazione è di origine francescana e ricorda la visita che fece ...

Continua » 

 

B. V. Maria di Fatima
Le apparizioni della Vergine avvennero fra il 13 maggio e il 13 ottobre del 1917 a tre ...

Continua » 

 

Maggio Mariano

La "Marianità" è l’incontro fra le più profonde intuizioni dei popoli e la Verità rivelata, che porta a ....

Continua » 

 

 

 

 

 

 

 

LA VISITAZIONE

 

 

 

 

 

B. V. MARIA DI FATIMA

 

 

 

Beata Vergine Maria

Madre della Chiesa

 

 

 

 

 

 
- AVVISI DELLA SETTIMANA-
 

MAGGIO 2022

 

Sabato 21
-Dalle 10:00 alle 12:00 iscrizioni al Grest (moduli nella sezione NEW)
-Alle 16:00 Sante Comunione e Cresima dei ragazzi.

Domenica 22

-Dalle 10:00 alle 12:00 iscrizioni al Grest (moduli nella sezione NEW)
-Alle 11:30 Sante Comunione e Cresima dei ragazzi.
LA S. MESSA DELLE 11:15 E' SOSPESA E LA S. MESSA DELLE 11:30 E' RISERVATA SOLO PER LE CRESIME E NON CI SARÀ POSTO PER ALTRE PERSONE.

Martedì 24
-Alle 20:30, presso il giardino della canonica, S. Rosario.

Giovedì 26
-Alle 20:30 in Via Oberdan 6/B (Fam. Sacchini), S. Rosario.

Venerdì 27
-Dalle 18:30 alle 21:30 Aperitivo in oratorio.
-Alle 20:30, presso il teatro parrocchiale, Via F. Filzi 3, proiezione
cinematografica "Gli anni in tasca" storie di bambini, bambine e giovani.

Sabato 28
-Dalle 10:00 alle 12:00 iscrizioni al Grest

Domenica 29
-Alle 9:30 partenza dal sagrato della chiesa per la “Camminata di primavera nel Borgo”.
- Iscrizioni al Grest dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 19:00
-Dalle ore 16:00 in oratorio “Festa di fine anno oratoriano”.

Mercoledì 1 giugno
GITA PELLEGRINAGGIO al Santuario Madonna della Neve di Auro (Valle Sabbia) Per informazione e iscrizione rivolgersi a: don Renato Cell. 334 8000209.

Nel mese di maggio: BENEDIZIONE DELLE CASE.
Chi lo desidera contatti don Renato al 334 8000209.


Per far fronte all’ emergenza in Ucraina, il Punto Comunità promuove una raccolta straordinaria di generi alimentari e prodotti di igiene personale.
Puoi portarli al “Folle Volo”, Via Trento 64/A, ogni mattina dalle 9 alle 12, oppure in Parrocchia o contattaci allo 030 3099181.

-Continua la raccolta alimentare per i bisognosi della parrocchia.
I generi alimentari raccolti verranno distribuiti presso il “PUNTO CARITÀ”, via F. Filzi 3, tutti i lunedì dalle 14:30 alle 16:30.

 


La parrocchia ha aperto una pagina Facebook ‘Parrocchia Cristo Re’. Cercala, trovala e metti "mi piace".

 

 

 

LOCANDINE EVENTI

 

 

EVENTI DI MAGGIO                                    EVENTI DI GIUGNO

-----

-----

 

L

M

M

G

V

S

D

 

L

M

M

G

V

S

D

 

 

 

 

 

 

 

1

 

 

 

1

----

2

3

4

5

2

 

3

4

5

6

 

 

7

8

 

 

6

7

8

9

10

11

12

9

10

11

12

13

 

 

14

 

15

 

 

13

----

 

14

15

16

17

 

18

19

16

17

18

19

20

----

----

21

 

 

22

 

 

 

20

21

22

23

24

25

26

23

24

25

26

27

----

----

28

 

29

----

----

 

27

28

29

30

 

 

 

 

30

31

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

        

                                                            Festa dell'accoglienza del popolo ucraino

 

 Santo del mese di maggio

 

S. ARCANGELO TADINI, parroco.
Nato a Verolanuova 1846 – morto a Botticino 1912
Ricorrenza: 20 maggio (la diocesi di Brescia lo ricorda il 21 maggio)

Canonizzato da papa Benedetto XVI il 26 aprile 2009.
Il suo corpo è venerato nella cappella della Casa Madre delle Suore Operaie della S. Casa di Nazareth, a Botticino.
Nato da una famiglia nobile, entrò nel seminario di Brescia nel 1864, dove si trovava già uno dei suoi fratelli. Ordinato sacerdote, nel 1870, il suo primo incarico fu quello di vicario cooperatore della parrocchia di Lodrino (BS) e maestro elementare nella scuola comunale. Successivamente cappellano presso il santuario di S.Maria della Noce a Brescia fino al 1885. Nel 1887 divenne parroco, a Botticino Sera (BS), carica che tenne fino alla morte.
Il Tadini, oratore nato, si manifestò tale fino dai primordi del suo ministero. Nella predicazione faceva piangere perché sapeva commuovere. Soprattutto era il moralista che richiamava il suo popolo a una vita onesta e cristiana.
Per l’insegnamento del catechismo ai fanciulli introdusse una grande novità per allora, le proiezioni luminose. Si mostrò un severissimo tutore della dignità della donna. Fu fondatore dell’oratorio femminile; dettò regole che, se oggi possono sembrare strette, allora educarono tutta la gioventù femminile del paese ad un autentico cristianesimo.
La sua attenzione pastorale è rivolta soprattutto alle povertà del difficile periodo della prima industrializzazione: conobbe le difficoltà fisiche e morali della classe operaia. Coltivando per tutta la sua vita la carità in modo eroico, consumando il suo patrimonio e privandosi di tutto. Con il suo patrimonio personale, costruì una filanda per evitare l'emigrazione delle ragazze del paese inoltre un pensionato per lavoratrici.
Nel 1893 fondò l'associazione di mutuo soccorso operaio, che forniva assistenza ai lavoratori in caso di malattia o di infortunio e si adoperò per i diritti e la dignità dei lavoratori per assicurare l'assistenza alle giovani.
Nel 1900 fondò la Congregazione delle Suore Operaie della Santa Casa di Nazareth, la cui missione era quella di lavorare con gli operai per fornire loro istruzione e sostegno morale. Congregazione dedita alla giustizia sociale con i tre voti canonici, vita in comune, abito religioso, ma impegnate come vere e proprie operaie.
Per questa sua intraprendenza il Tadini ottiene calunnie e incomprensioni, anche da parte della Chiesa. In realtà egli precorre i tempi: egli intuisce che la Suora, operaia tra le operaie, può dare una comprensione più positiva del mondo del lavoro, visto non più come luogo avverso alla Chiesa, ma ambiente bisognoso di fermento evangelico.
 

 

 

Frase presa dai discorsi o omelie di Papa Francesco.

 Per favore, custodire i vecchi. E se perdono la testa, custodirli comunque perché sono la presenza della storia, la presenza della mia famiglia, e grazie a loro io sono qui, possiamo dire tutti noi [...] è una questione di onore, che deve trasformare l’educazione dei giovani riguardo alla vita e alle sue fasi. L’amore per l’umano che ci è comune, inclusivo dell’onore per la vita vissuta, non è una faccenda per vecchi. Piuttosto è un’ambizione che renderà splendente la giovinezza che ne eredita le qualità migliori.

Udienza Generale

20/04/2022