Home page

                                                                                                                     MAPPA STRADALE  

 

 

 

 

 

 

GRUPPO DI PREGHIERA 

 

 

 

 GRUPPO DI PREGHIERA “MEDJUGORJE-CRISTO RE”

 

“Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome io sono in mezzo a loro”. (Matteo 18,20)

 

La Madre di Dio, nelle sue apparizioni, esorta spesso a pregare all’interno della famiglia e ad incentivare i vari gruppi di preghiera. 

L’ invito  di Maria alla preghiera non è una novità: già il Maestro divino, diverse volte, invita il discepolo ad entrare in una dimensione orante con Dio Padre: ma la missione importante di Maria è riprendere il Vangelo di Cristo e come una Madre esorta noi, suoi figli, a tenere alta la nostra vita di preghiera perché la nostra santità  cresca sempre più.

 

Nel nostro gruppo di preghiera, nato nel 2008, non abbiamo un contenuto od un modo originale di pregare: la novità sta nel fatto che alcune nostre parrocchiane hanno capito che la preghiera è fondamentale ed hanno espresso il desiderio, subito accolto dal parroco Don Umberto, di fondare questo nuovo gruppo con il nome “Medjugorje-Cristo Re” che desidera pregare ed operare nella vita all’insegna della Spiritualità Mariana.

 

Ci troviamo in chiesa, chiunque può venire: il gruppo è aperto a tutti, uomini e donne.

UNISCITI ANCHE TU !     TI ASPETTIAMO.

 

Aspetti storici

Le apparizioni di Medjugorje iniziarono nel pomeriggio del 24 giugno 1981, nella frazione di Biakovici, una delle quattro che formano il villaggio di Medjugorje. 

Il primo gruppo di preghiera è stato formato il 4 luglio 1982, un anno dopo l'inizio delle apparizioni della Madonna. 
La Vergine aveva anche chiesto di formare dei gruppi di preghiera in tutte le comunità parrocchiali, per aiutarLa con la preghiera a realizzare i piani che il Signore Le ha affidato. 
Quest'incontri sono significativi per la crescita spirituale di ogni singolo membro del gruppo di preghiera. 

Per ciò che concerne Medjugorje, il Cardinale – ora Papa – Jozef Ratzinger ne ha parlato molto positivamente nel suo libro intervista “Zur Lage des Glaubens”, pubblicato nel 1986. C’è un’intervista sulla situazione della fede nella Chiesa e nel mondo, dove egli parla positivamente di Medjugorje come luogo di preghiera, un luogo dove l’uomo si converte al Signore, spinto dalla Madre Maria.
La Chiesa lo ritiene quindi un luogo di culto Mariano.

 

Pellegrini a Medjugorje - Un'esperienza.
E’ la seconda volta che andiamo a Medjugorje. Ci siam fermati una settimana, ma ci è sembrato che la sosta sia durata anni, il tempo, come per incanto, si ferma in un’estasi quasi mistica.
Siamo credenti: certo, non dico che in quel posto ci sia stata una conversione, per carità, ma la nostra fede si è come rafforzata. Indubbiamente dobbiamo percorrere ancora molta strada, ma sentiamo il richiamo a tornarci per provare nuovamente, in quei luoghi, tanta serenità e pace.
La chiesa a Medjugorje è una Chiesa attiva, concreta, vicina alle esigenze di tutti i popoli presenti, ti sa coinvolgere con indubbia atmosfera mistica, in un profondo senso di pace e silenzio, valorizza l’idea del mistero e del sacrificio con musiche che non banalizzano il gesto ma san far vivere la messa, comprendendola e partecipando attivamente, provocandoti forte emozioni.
E’ sempre un’esperienza diversa, ogni volta venire qua, perché questo è un luogo di preghiera, un luogo dove tutto il mondo viene a pregare.
Non si è mai soli, a Medjugorje, ma si può vivere interiormente e semplicemente la propria fede immersi nella propria pace, coinvolti dalla spiritualità della comunità che ti circonda e sentirsi integrati in un progetto misterioso-divino, davvero condiviso fra tutti i pellegrini provenienti da tutto il mondo, dal loro entusiasmo e della pienezza con cui essi si accostano a questo percorso.
Ecco, questa è la vera sensazione che abbiamo e consiglio a tutti l’esperienza di Medjugorje.