Home page

                                                                                                                     MAPPA STRADALE  

 

 

 

 

 

 

 

RUBRICA LITURGICA

 

 

 

Quarto mistero della luce
La trasfigurazione di Gesù è un episodio della vita di Gesù Cristo, descritto dai tre ....

Continua »

 

Il Perdono di Assisi
Quello che ha reso nota in tutto il mondo la Porziuncola è soprattutto il singolarissimo privilegio dell’Indulgenza, che va sotto il nome di....

Continua »

 

La fede non va in vacanza
Durante la vacanza riserviamo sempre un tempo a Dio e non dimenticare il ....

Continua »  

 

 

 

NOTIZIARIO

 

Messaggio del santo Padre per la Quaresima 2021

Leggi il messaggio

 

 

 

 

 

 

LA TRASFIGURAZIONE DI GESU'

 

 

 

Francesco annuncia al popolo convenuto alla Porziuncola: “Fratelli miei, voglio mandarvi tutti in Paradiso!”.

 

 

 

 

 

 
- AVVISI DELLA SETTIMANA-
 

LUGLIO-AGOSTO 2021

 

 

-Il bar dell’oratorio chiude per ferie estive dal 13 luglio.

-È stato completato il restauro delle porte della chiesa.

-Lettura estiva consigliata: Giacomo Corna Pellegrini.

 

 

Buone vacanze!

 

 

-Il 27 agosto inizia, presso l'oratorio, “estateci 2021”, tradizionale festa d’inizio dell’anno oratoriano, per tre weekend successivi.

Tutte le sere stand gastronomico a partire delle 19:30.
 27-28-29 agosto;
 3 – 4 - 5 settembre;
 10-11-12 settembre.

 

 

 

 

La parrocchia ha aperto una pagina Facebook. “Parrocchia Cristo Re”

Cercala, trovala e metti "mi piace".

 


Continua la raccolta alimentare per i bisognosi della parrocchia.
I generi alimentari raccolti verranno distribuiti presso il “Punto Carità”, via F. Filzi 3, tutti i lunedì dalle 14:30 alle 16:30.

 

 

 

LOCANDINE EVENTI

 

 

EVENTI DI SETTEMBRE                                    EVENTI DI AGOSTO

-----

-----

 

L

M

M

G

V

S

D

 

L

M

M

G

V

S

D

 

 

1

2

3

-----

4

-----

5

-----

 

 

 

 

 

 

 

1

6

7

8

9

10

-----

11

-----

12

-----

 

2

3

 

4

 

5

6

 

7

 

8

 

13

14

15

16

17

18

19

 

9

10

 

11

 

12

13

 

14

 

15

 

20

21

22

 

23

24

25

26

 

16

17

 

18

 

19

 

20

 

21

22

27

28

29

30

 

 

 

 

23

24

25

26

27

-----

28

-----

29

-----

 

 

 

 

 

 

30

31

 

 

 

 

 

 

        

                                                                               Grest 2021                                                                

                                                                                                       

VITA DEI  SANTI CON LE STIGMATE

 Santa del mese di agosto

 

 

S. Maria di Gesù Crocifisso (MARIAM BAOUARDY) vergine.
Ibillin1846 (vicino Nazareth) – Betlemme 1878.
Ricorrenza: 26 agosto, mentre per l’Ordine Carmelitano la sua memoria cade il 25 agosto.


Proclamata santa da papa Francesco nel 2015.


È stata una religiosa palestinese dell'Ordine dei carmelitani scalzi, conosciuta per diverse manifestazioni mistiche.
Porta in dote alla chiesa universale la ricchezza dell’Oriente cristiano e una particolare devozione allo Spirito Santo.
Mariam Baouardy nacque in Israele da famiglia maronita molto poveri ma altrettanto onesti e pii; fu battezzata ed educata nella chiesa greco-cattolica.
Rimasta orfana di entrambi i genitori a soli tre anni insieme al fratello Paolo, venne affidata ad uno zio e non ricevette alcuna istruzione scolastica, rimanendo analfabeta.
All’età di 13 anni fece la promessa di verginità e quando lo zio volle darle in sposa un egiziano, si tagliò i capelli in segno di consacrazione, scatenando la furia dello zio. L’8 settembre 1859, Mariam arrivò alle soglie della morte: quando un turco che voleva convincerla a convertirsi all’islam le tagliò la gola. In seguito racconterà di essersi trovata in cielo; a restituirle la vita “un’infermiera vestita di azzurro” che la curò, dichiarò anni dopo, che si trattava della Vergine. A prova dell’accaduto le rimase la voce rauca, una cicatrice di 10 centimetri sul collo e fu accertato da un celebre medico ateo che le mancavano persino alcuni anelli della trachea. Seguirono alcuni anni durante i quali lavorò come domestica ad Alessandria, Gerusalemme, Beirut e Marsiglia. Il 14 giugno 1867 arrivò al Carmelo di Pau, prendendo poi il nome di suor Maria di Gesù Crocifisso. Nel 1875 partì per la sua Terra Santa, per la fondazione del primo Carmelo in terra di Palestina e fu proprio lei – che non capiva certo di architettura – a descrivere il progetto e dirigere i lavori per la costruzione del monastero a Betlemme: nel luogo indicatole in visione dal Signore, su una collina, prospiciente la Natività.
Fece profezie, ebbe persino una rivelazione sul luogo in cui “il Signore spezzò il pane”, Emmaus Nikopolis, in seguito alla quale furono effettuati gli scavi e trovati resti importantissimi.
I testimoni dell'epoca e in particolare le sue consorelle, attestarono una serie di doni o qualità mistiche che avrebbero caratterizzato la sua vita. Amédée Brunot, nella biografia di Mariam, elenca una serie di otto doni mistici: estasi, levitazione, stigmate, profezia, ubiquità, transverberazione del cuore, visioni di santi e dono della poesia.
Le estasi furono numerosissime e paragonate da Mirjam a dei "colpi di sonno"; che le fa vedere il volto del suo Signore.

Sul suo corpo vede riprodursi le ferite provocate a Gesù durante la sua passione: Mirjan tenderà sempre a nascondere le stigmate che chiamava “la mia malattia”. Ma lo Spirito Santo le concede una ferita più soave: la trasverberazione del cuore. Mirjam cade in estasi, è trasfigurata e si sente "trafitto" il cuore che inizia a sanguinare provocandole dolore e gaudio.
Dopo la sua morte, per cancrena al braccio fratturato, venne estratto il cuore e fu rilevata la cicatrice di una ferita profonda e non recente, segno della trasverberazione.
Papa Giovanni Paolo II ha così riassunto il messaggio di Suor Maria: "Le Beatitudini trovano in lei il loro compimento.

 

 

 

 

Frase  presa dai discorsi o omelie di Papa Francesco.

Gesù ci dà un insegnamento prezioso. Anche se gioisce nel vedere i suoi discepoli felici per i prodigi della predicazione, non si dilunga in complimenti e domande, ma si preoccupa della loro stanchezza fisica e interiore. [...] li vuole mettere in guardia da un pericolo, che è sempre in agguato anche per noi: il pericolo di lasciarsi prendere dalla frenesia del fare, cadere nella trappola dell’attivismo, dove la cosa più importante sono i risultati che otteniamo e il sentirci protagonisti assoluti.

Angelus piazza S. Pietro  

18/07/2021