.

Home page

 

Via Fabio Filzi, 5 - 25128 Brescia       [Mappa stradale]

 
 
 
 
 
 

 

 

- RUBRICA LITURGICA

 

La fede non va in vacanza
Durante la vacanza riserviamo sempre un tempo a Dio e non dimenticare il “giorno del Signore”, che è il giorno della .....

Leggi tutto »

 

Beata Vergine Maria del Monte Carmelo.
Il primo profeta d'Israele, Elia (IX sec. a.C.), dimorando sul .....

Leggi tutto »

 

Festa di Santi Pietro e Paolo
Due apostoli e due personaggi diversi, ma entrambi .....

Leggi tutto »

 

Giornata per la “Carità del Papa”
In occasione della solennità dei santi Pietro e Paolo, si raccoglie la “Carità del Papa” in passato .....

Leggi tutto »

 

 

 

 

 

- NOTIZIARIO  2017

 

Nuovo vescovo di Brescia

Mons. Pierantonio Tremolada è stato nominato dal Papa alla guida della diocesi di Brescia. Succede al ......

Leggi tutto »

 

----------------------

 

 

----------------------

 

L’invito di Gesù agli apostoli:

“Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un pò” (Marco 6,31)

 

 

----------------------------------

Tutti i martedì, (escluso agosto)

Adorazione Eucaristica

 

- AVVISI DELLA SETTIMANA-


LUGLIO 2017

 

Il foglietto degli avvisi settimanali è temporaneamente sospeso.

 

 

Martedì 18 luglio

-Dalle 8:30 alle 18:30, in chiesa, l’adorazione eucaristica.

 

 

L'ORATORIO RIMANE CHIUSO PER FERIE DAL 21 LUGLIO AL 18 AGOSTO

 

 

Martedì 25 luglio

-Dalle 8:30 alle 18:30, in chiesa, l’adorazione eucaristica.

 

Venerdì 28 luglio

-Alle ore 17:00 incontro, in oratorio, per tutti i volontari di "estateci 2017"

 

 

 

 

 

BUONE VACANZE !!

 

 

 

 

 

 

LOCANDINE EVENTI

 

             LUGLIO                                                             AGOSTO

L

M

M

G

V

S

D

 

L

M

M

G

V

S

D

 

 

 

 

 

1

2

 

 

 

 

1

 

2

3

4

5

6

3

 

4

5

6

7

8

9

 

7

8

9

-----

10

11

12

13

10

11

12

13

14

15

16

 

 

14

15

16

17

 

18

19

20

17

18

 

19

20

21

22

23

 

21

22

23

24

25

-----

 

26

-----

27

-----

24

25

26

 

27

28

29

30

 

28

-----

29

-----

30

-----

31

-----

 

 

 

 

 

31

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

VITA DEI SANTI / BEATI BRESCIANI

 luglio

 

Beata Maria Maddalena (al secolo Margherita) Martinengo. Badessa dell’Ordine delle Clarisse Cappuccine.

Si distinse per le opere di penitenza e le doti mistiche.
Nata a Brescia nel 1687 e morta di tubercolosi a Brescia nel 1737.

Beatificata da Leone XIII nel 1900.
I resti della Martinengo furono traslati nel 1972 nel monastero delle cappuccine a Brescia.
Margherita di famiglia nobili, perse presto la madre e il padre le assegnò come istitutrice una religiosa Orsolina alla scuola della quale imparò a gustare di più la preghiera che i giochi infantili.
All’età di 5 anni prese come mamma e modello la Madonna.
A 10 anni entrò come educanda nel monastero delle agostiniane, dove erano come religiose due zie materne e dove dette prova della sua precoce vocazione al martirio.
A 13 anni fece voto segreto di verginità a Dio. Dopo sofferte contrarietà familiari, nel 1705 diciottenne entró nel monastero delle Clarisse Cappuccine e prese il nome di suor Maria Maddalena; dove rimase per 32 anni fino alla morte.
Il livello culturale e il decoro delle maniere, che le proveniva dal rango, non contribuirono a facilitare i rapporti con la comunità claustrale. Maria Maddalena per nulla al mondo, avrebbe voluto primeggiare. Visse il primo decennio fra angosce, aggravate da ostilità di consorelle. Tra il 1711 e il 1722, le furono assegnati gli incarichi più umili del convento, nel 1723 fu nominata maestra delle novizie. La sua condotta suscitò gelosie e alcune suore le divennero “contrarie”. Col successivo incarico di “ruotara”, ebbe rapporti con l’esterno e la sua fama si diffuse nella città.
Nel 1729, dando credito alle maldicenze di alcune suore, il confessore ordinario, don Antonio Sandri, dette alle fiamme il manoscritto delle Massime spirituali, che lo distrussero parzialmente, tramandato incompleto. L’invidia delle consorelle verso la sua indubbia superiorità spirituale, i timori delle abbadesse verso l’alone di santità. Ebbero come conseguenza la sospensione punitiva da ogni incarico comunitario, poco dopo, revocata dall’autorità vescovile.
Nel 1732 fu eletta badessa, quando il 21 apr. 1737 vi rinunciò, il suo corpo era ormai sfinito
Suor Maria Maddalena andava in estasi d’amore ed il fuoco del divino amore la consumava e per spegnere questo fuoco si affliggeva con una pratica penitenziale sovrumana tenuta nascoste a tutti. È difficile esagerare il suo martirio sconcertante, ma le sofferenze corporali furono superate da quelle spirituali e morali.
Soggetta a prolungati svenimenti le consorelle poterono constatare, nel suo corpo i segni delle sue tremende penitenze cilizi, incisioni e delle stimmate di diversi tormenti della passione del Signore. I medici esaminato il suo corpo trovarono i segni di tre chiodi, trenta aghi attorno al cranio e molti altri in varie parti del corpo.
La Beata. Maria Maddalena ci ha lasciato numerosi suoi scritti, inediti fino all’età contemporanea, sia diretti alle consorelle che autobiografici, dove scrisse le sue esperienze per obbedienza ai confessori.
Memoria liturgica 27 luglio