Home page

                                                                                                                     MAPPA STRADALE  

 

 

 

 

 

 

 

- RUBRICA LITURGICA

 

 

Festa del Cuore Immacolato di Maria.
L'origine di tale culto è da ricercare nel vangelo di Luca, dove il ....

Continua »

 

Festa del S. Cuore di Gesù.
La festa è stava voluta da Gesù stesso rivelando la sua .. ..

Continua »

 

La solennità del Corpus Domini (che significa Corpo del Signore), più propriamente chiamata "Solennità del Corpo e del Sangue di Cristo" rievoca la .....

Continua »

 

 

NOTIZIARIO

 

Messaggio del santo Padre per la Quaresima 2021

Leggi il messaggio

 

 

 

Sacratissimo cuore di Gesù

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 San Atonio di Padova

 

 

 

 

 

 

 
- AVVISI DELLA SETTIMANA-

GIUGNO 2021

 

 

 

 

Sono ancora disponibili alcuni posti per il Grest 2021.

Le iscrizioni seguono l’orario comunicato.
 

 

11 giugno -  Sacratissimo cuore di Gesù

12 giugno - Cuore immacolato di Maria

 

Domenica 13 giugno -  – S. Antonio da Padova

 

Da lunedì 14 al 25 giugno, raccolta libri di testo, riservata ai soli alunni della scuola media "Lana-Fermi", presso il Punto Comunità di via Trento 64/a, dal lunedì al venerdì dalle 9:30 alle 11.30

Continua la raccolta alimentare per i bisognosi della parrocchia.
I generi alimentari raccolti verranno distribuiti presso il “Punto Carità”, via F. Filzi 3, tutti i lunedì dalle 14:30 alle 16:30.

I bambini del Catechismo della nostra Parrocchia si sono lanciati in un’opera di grande solidarietà ai più bisognosi, a loro va il nostro immenso grazie.

 

 

 

LOCANDINE EVENTI

 

 

EVENTI DI LUGLIO                                    EVENTI DI GIUGNO

-----

-----

 

L

M

M

G

V

S

D

 

L

M

M

G

V

S

D

 

 

 

1

2

3

4

 

 

1

2

3

4

5

6

5

6

7

8

9

10

11

 

7

8

 

9

 

10

11

 

12

 

13

 

12

13

14

15

16

17

18

 

14

-----

-----

15

-----

16

-----

17

-----

-----

18

-----

19

 

20

 

19

20

21

 

22

23

24

25

 

21

-----

-----

22

-----

23

-----

24

-----

25

-----

26

27

26

27

28

29

30

31

 

 

28

29

30

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

        

        Santo Rosario nel quartiere                               Cresime 2021                              Bancarella dei manufatti artiginali

                                                                                                       

VITA DEI  SANTI CON LE STIGMATE

 Santa del mese di giugno

 

 

SANTA MARGHERITA BAYS
La Pierraz (Svizzera) 1815- Siviriez 1879.
Canonizzata il 13 ottobre 2019 da papa Francesco.
Ricorrenza: 27 giugno giorno della morte.


Margherita Bays è considerata una “santa della porta accanto” che ha vissuto il suo apostolato laicale nell’ordinarietà della vita familiare e parrocchiale, dedicandosi interamente a Dio, alla Vergine, a cui era particolarmente devota, e ai fratelli più o meno bisognosi.

Margherita è la seconda dei sette figli di Pierre-Antoine Bays e Marie-Joséphine Morel, modesti agricoltori e buoni cristiani. É una bambina intelligente e vivace ma anche incline alla spiritualità, tanto che spesso interrompe il gioco per ritirarsi nel silenzio a pregare.
Dopo le scuole primarie si specializza come sarta, attività che esercita per tutta la vita e che le permette di mantenersi. Per quanti non hanno di che pagare, Margherita non manca di prestare gratuitamente i suoi servizi di sartoria.
La giovane, però, si sente portata anche per una vita di raccoglimento e preghiera e invita sempre a pregare con lei anche quanti incontra per lavoro, oltre che in famiglia.
S’impegna in parrocchia, dove trascorre tutto il suo tempo libero: insegna il catechismo ai bambini, si occupa dei poveri, a suo dire “i preferiti di Dio” perché indifesi, prepara le giovani a divenire future spose e buone madri, visita gli ammalati, assiste i moribondi, introduce nella parrocchia le opere missionarie e contribuisce alla diffusione della stampa cattolica.
Per questa sua vita di apostolato attivo tutti si aspettano che entri in convento. Però, come via per raggiungere il Signore Margherita sceglie la quotidianità della famiglia, rifiutando di entrare in un ordine religioso, restando celibe e abbracciando una vita di castità. Nel 1860 entra nel Terz’Ordine Francescano, oggi chiamato Ordine secolare.
Margherita vive costantemente alla presenza di Dio e alimenta questo sentimento con la preghiera assidua. Nonostante le difficoltà vissute in famiglia, con contrasti ed afflizioni provocati dalla cognata e dai fratelli, mantiene sempre un atteggiamento paziente e servizievole. Con amore cerca di rendersi utile in famiglia, aiutando anche là dove sarebbe spettato agli altri e creando sempre un’atmosfera di bene e di pace, nonostante i momenti bui. Attraverso la sua testimonianza d'amore e carità, anche i suoi fratelli si sono aperti a Cristo, cominciando un cammino di conversione.
A trentacinque anni Margherita si ammala di tumore intestinale, ma prega la Madonna di guarirla da quella malattia per il disagio psicologico che le crea, sostituendola con sofferenze che la facciano partecipare alla Passione di Cristo. La Vergine l’esaudisce l'8 dicembre 1854, proprio nel giorno in cui papa Pio IX proclama il dogma dell’Immacolata Concezione.
Da allora prende consistenza la fama di mistica, che la santa manifesta attraverso il sonno estatico e una misteriosa malattia che l’immobilizza in estasi ogni venerdì alle 15 e per tutta la Settimana Santa, facendole rivivere nel corpo e nello spirito le sofferenze di Gesù, accompagnate dalle stimmate, la cui origine mistica viene dichiarata dal vescovo Étienne Marilley, dopo gli opportuni esami medici.
Le manifestazioni, accompagnate dalla semplicità e dalla rettitudine di Margherita, le valgono un'aurea di santità quando è ancora in vita. Muore il 27 giugno 1879. Per i parrocchiani di Siviez e dintorni è morta una santa e la vogliono tumulata nella loro chiesa. Margherita lascia il ricordo della sua vita, del suo amore a Dio e della sua dedizione agli altri. Le sue gesta di conforto, di bontà, di ascolto, di grazie elargite continuano ancora oggi ad alleviare le pene di coloro che la supplicano.

 

 

 

Frase  presa dai discorsi o omelie di Papa Francesco.

 Dunque, la preghiera è una sorta di rigo musicale, dove noi collochiamo la melodia della nostra vita. Non è in contrasto con l’operosità quotidiana, non entra in contraddizione con i tanti piccoli obblighi e appuntamenti, semmai è il luogo dove ogni azione ritrova il suo senso, il suo perché, e la sua pace.

9 giugno 2021  
Udienza Generale